Valutazione cognitiva cross-culturale

Valutazione cognitiva cross-culturale

La popolazione che afferisce presso gli ambulatori di neurologia riflette i cambiamenti in atto nella società ed è caratterizzata da una sempre più eterogenea composizione etnica, linguistica e culturale. Nell’approcciare la valutazione cognitiva e nella presa in carico di pazienti che appartengono ad una minoranza etnica o che sono cresciuti in contesti culturali differenti è necessario tenere conto delle variabili culturali che influenzano le capacità cognitive: come farlo?

In evidenza

Il ruolo di interpreti e mediatori

Il ruolo di interpreti e mediatori

Nel caso dei pazienti provenienti da altre culture è importante ove possibile avviare il processo di valutazione assieme ai familiari. Un coniuge ove presente può essere fondamentale per raccontare i…

Leggi l'articolo
Gli step della valutazione cognitiva

Gli step della valutazione cognitiva

Procedere con un’anamnesi dettagliata e ben strutturata Mettersi in ascolto Quando si ha di fronte un paziente con una storia di migrazione alle spalle è ancora più importante e complesso…

Leggi l'articolo
I fattori a cui porre attenzione nella diagnosi

I fattori a cui porre attenzione nella diagnosi

Oltre alla barriera linguistica e al contesto culturale di provenienza, è importante tenere conto anche di altri fattori.  La percezione che il paziente, ma spesso anche i suoi familiari, ha…

Leggi l'articolo
La diversa percezione della demenza

La diversa percezione della demenza

La barriera linguistica rappresenta solo uno degli ostacoli che il clinico incontra nella valutazione neuropsicologica delle funzioni cognitive nel paziente migrante e/o appartenente a minoranze etniche. La persona che sta…

Leggi l'articolo