Valutazione neuropsicologica in pazienti migranti con deterioramento cognitivo: 10 anni di esperienza all’Ospedale Sacco di Milano

Valutazione neuropsicologica in pazienti migranti con deterioramento cognitivo: 10 anni di esperienza all’Ospedale Sacco di Milano

A cura di Giorgia Maestri, Immidem Study Group

In occasione del XVIII Convegno Nazionale SINdem, tenutosi a Firenze dal 23 al 25 Novembre 2023, abbiamo presentato un poster dal titolo “Neuropsychological assessment in culturally and linguistically diverse populations with cognitive impairement: 10 years of experience at the Sacco Hospital”. Lo studio descritto aveva il duplice obiettivo di indagare la numerosità e le caratteristiche demografiche dei pazienti con storia di migrazione che hanno effettuato almeno una prima visita presso il CDCD dell’Ospedale Luigi Sacco (MI) negli ultimi 10 anni, nonché la modalità divalutazione cognitiva utilizzata.

Lo studio ha messo in evidenza come i pazienti migranti tendano ad essere relativamente giovani (età media 65 anni), ben scolarizzati (in media 11 anni) e provengano in buona parte da Paesi a medio-alto reddito. Negli ultimi 3 anni il numero di migranti che hanno effettuato una visita presso il CDCD è progressivamente aumentato, ciò fa riflettere sulla sempre maggiore necessità di modificare la valutazione neuropsicologica per testare adeguatamente anche questi pazienti.

Confrontando la modalità di valutazione neuropsicologica prima e dopo l’avvio del progetto Immidem (2020) risulta evidente il significativo cambiamento in termini di sensibilità alle differenze culturali:

1) le valutazioni hanno iniziato ad essere effettuate nella lingua madre del paziente grazie all’aiuto di mediatori culturali professionali;

2) sono stati introdotti test specificatamente sviluppati per essere applicati in ambito cross-culturale (RUDAS, CNTB) o che presentano specifici adattamenti alla cultura di origine di ogni paziente (MoCA, BAT).

La valutazione neuropsicologica cross-culturale è un approccio relativamente recente; molti test con caratteristiche idonee per esser utilizzati in popolazioni multiculturali non dispongono di traduzioni validate in lingua italiana, pertanto il processo di traduzione formale di alcuni di questi test è uno degli obiettivi nell’ambito del progetto Immidem.

Categories: Notizie ed eventi